La Torre dei Santi Quaranta di Longobardi(Timpone) - LONGOBARDINFOTO

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Torre dei Santi Quaranta di Longobardi(Timpone)

TERRITORIO > Torri D'avvistamento



Le incursioni saracene con saccheggi e deportazioni a danno dei paesi indifesi delle coste della Calabria si erano accentuate. Nel 1534 San Lucido era stato devastato dalle truppe di Solimano e si parla di duemila prigionieri strappati alla loro terra. Si corse ai ripari con un sistema di torri costieri di vedetta, assegnandovi militi incaricati di segnalare con fuochi e altri mezzi, o per mezzo di veloci corrieri a cavallo, l'avvistamento di imbarcazioni sospette. Il vicerè Pietro di Toledo, nel 1550 mandò in Calabria Fabrizio Pignatelli, marchese di Cerchiara, con l'incarico di fare costruire numerose torri nei punti più adatti della costa.Così abbiamo notizia,dal 19 dicembre 1572,anche delle torri denominata Santi Quaranti, nel territorio di Longobardi. Il toponimo già l'abbiamo trovato nel 1484, nel registro conservato nell'archivio dell'abbazia di Subiaco. Vi sorgeva la chiesa di S. Sofia e il nome ora rimasto è "Timpone ". Anche se si ha notizia della torre nel 1572, poteva risalire a qualche anno prima. E' certamente uno dei migliori posti di osservazione, da dove si può spaziare ad enorme distanza, sul mare, sulla costa e sulla montagna. Dalla vetta primitiva, su cui era posto, il fondo della torre rimasto, a causa di una frana, nel secolo scorso, è  slittato più in basso, in prossimità del "Timpone Piccolo", dov'è la curva sottostante della via provinciale,sottratto agli sguardi della folta vegetazione, che ricopre l'impervio dirupo.C'è chi ipotizza, nella località Santi Quaranti, un piccolo centro abitato mediovale, ora scomparso. Gustavo Valente cita una scheda del notaio Prospero Marsico, del 19 dicembre 1572, da cui si ha notizia del pagamento di diciannove ducati e mezzo, per il trimestre settembre-novembre 1572, al nobile Antonio de la Pigna, spagnolo, "castellano della torre Santi Quaranti nella marina di Longobardi" e a Ferrante Spaticchia, suo compagno nella detta torre.Segue da atto del notaio Antonio Zazzo, di Cosenza, del 17 luglio 1573,la notizia del pagamento di ducati quarantacinque e mezzo, come salario per il servizio di guardia, nel periodo dicembre 1572 - giugno 1573 ad Antonio de la Pigna, castellano della torre di Santi Quaranti e ai suoi compagni in detta torre Ferrante Zupo e Giovanni de Santo. Più avanti nel tempo, troviamo addetti alla torre dei Santi Quaranti Scipione Coscarella, caporale e Giacinto Coscarella, soldato, nel 1660-1661 e ancora nel 1668-1669.

 
Cerca nel sito
Torna ai contenuti | Torna al menu