Luigi Miceli - LONGOBARDINFOTO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Luigi Miceli

PERSONAGGI

Patriota, nato a Longobardi il 7 giugno 1824, morto a Roma il 30 dicembre 1906. Compiuti gli studi di diritto, rinunziò alla carriera di magistrato, alla quale i genitori volevano avviarlo, e s'iscrisse alla Giovine Italia. Partecipò ai preparativi della rivoluzione calabrese del 1847 e, più direttamente, a quella del 1848. Dopo l'arrivo di Giuseppe Ricciardi in Calabria nel maggio di quell'anno, fu segretario del comitato insurrezionale, detto di Pubblica Sicurezza, e combatté contro le truppe borboniche. Fallita la rivoluzione, esiliò a Corfù, donde passò a Roma a difendere quella repubblica (1849). Costretto di poi a riprendere la via dell'esilio, si recò a Genova, dove visse insegnando letteratura e storia nel Collegio nautico e in altri istituti privati. Aderì alla parte più avanzata dell'emigrazione, e, dopo aver combattuto con Garibaldi a Varese e a S. Fermo, fu tra i promotori e gli organizzatori della spedizione dei Mille. Partecipò a tutta la spedizione sino al Volturno e fu tra i sostenitori dell'annessione condizionata al Piemonte. Eletto deputato al parlamento italiano per il collegio di Paola (1861), sedette a sinistra e fece parte del partito d'azione. Fu membro del consiglio e del comitato esecutivo dell'"Associazione emancipatrice" e si trovò presente al tentativo di Sarnico e a quello che s'infranse ad Aspromonte. Partecipò più tardi alla campagna garibaldina del 1866 e si distinse a Bezzecca, presiedendo anche il consiglio di guerra del corpo.  


Busto del patriota Luigi Miceli sul Gianicolo
                                                                                                                                                                                    

 
Cerca nel sito
Torna ai contenuti | Torna al menu